HomeChi siamoAttualitaProgrammaCollezioniProgettiMostrePubblicazioni

Amor di Patria e La Via Crucis di Gianduja (1864)

Torino
Cavallerizza Reale Manica Corta
via Verdi 8

Domenica 11 aprile 2010
ore 20,30

 

 

Incontro con Diego Novelli.

Amor di Patria è un'oscura pagina risorgimentale ricostruita da Diego Novelli sulla base di documenti inediti e raccontata come fosse un romanzo d'appendice.

È il 1864, a seguito della Convenzione di Settembre la capitale si trasferisce da Torino a Firenze: un trasferimento caratterizzato da dubbie finalità e da gravi fatti di sangue, esplosi in piazza San Carlo, con decine di morti e feriti e contrassegnato da uno sconcertante comportamento di Vittorio Emanuele II e dell'allora presidente del Consiglio Marco Minghetti.

È la storia di quella che si può definire la prima strage di Stato dopo la proclamazione dell'Unità nazionale, di cui una straordinaria memoria è rappresentata da La Via Crucis di Gianduja.

Realizzata da Silla, tra i più fertili caricaturisti dell'epoca, mostra Gianduja che al pari di Cristo porta sulle spalle una croce di redenzione: quella per l'Italia unita. Particolarmente tragica è la stazione XII, dove un Gianduja crocifisso campeggia, appunto, tra le chiese di Santa Cristina e di San Carlo. La Via Crucis di Gianduja fu immediatamente sequestrata, non per vilipendio alla religione, ma perché tra i vari artefici della Passione si potevano riconoscere personalità politiche viventi: una metafora schietta e implacabile oggi assolutamente impensabile.

 

intorno