HomeChi siamoAttualitaProgrammaCollezioniProgettiMostrePubblicazioni

ISTITUTO PER I BENI MARIONETTISTICI E IL TEATRO POPOLARE
Villa Boriglione - Parco Culturale "Le Serre" - via Tiziano Lanza, 31 - Grugliasco (Torino)


Giovanni Moretti

 

Jenaro Meléndrez Chas, Cora de Maria, Alberto Jona

 

Alfonso Cipolla

 

Alfonso Cipolla, Damiano Privitera
(Immagini dell´ Intero, Pinerolo)
Giovanni Moretti

 

 

 

 

Stefano Giunchi, Franco Belletti
AdM, Cervia

 

 

Presidente
Giovanni Moretti

Vice presidente
Cora De Maria

Direzione
Alfonso Cipolla

Comitato scientifico
Antonio Attisani, Università di Torino
Sonia Maura Barillari, Università di Genova
Alfonso Cipolla, Università di Torino
Fernando Mastropasqua, Università di Torino
John McCormick, Università di Dublino
Giovanni Moretti, Università di Torino
Alfonso Panzetta, Accademia di Belle Arti di Bologna
Pompeo Vagliani, Università di Torino
Luca Valentino, Conservatorio di Musica di Alessandria

Comitato artistico
Alberto Jona, Incanti Rassegna Internazionale di Teatro di Figura, Torino
Jenaro Meléndrez Chas, Controluce Teatro d'Ombre, Torino
Trude Kranzl, fino 2008 directrice del Intern. Figurentheaterfestival Wels, Austria

Collaboratori
Simona Albani, Sara Andreis, Anna Delfina Arcostanzo, Cristina Cecconato, Silvia Corsi, Domenico Maria Del Bello, Roberta d'Errico, Beppe Rizzo, Loredana Sanlorenzo, Francesca Zoccarato

Allestimenti
Claudio Cinelli, Andrea Rugolo

Documentazione etno-fotografica
Giorgio Cossu

L ´Istituto per i Beni Marionettistici e il Teatro Popolare è stato fondato nel giugno 2001 da Giovanni Moretti e Alfonso Cipolla, insieme con Cora De Maria, Alberto Jona, Jenaro Meléndrez Chas, Luca Valentino, sotto la presidenza onoraria di Roberto Leydi e in stretto rapporto con l´insegnamento di Teatro di Animazione della Facoltà di Lettere e Filosofia dell ´Università degli Studi di Torino.

In pochi anni l `Istituto ha avviato e realizzato svariati progetti di ricerca, imprimendo non solo un nuovo corso agli studi, ma sottraendo le marionette e i burattini dell ´ambito prettamente folclorico e ricollocandoli nella storia del teatro e della società a tutti gli effetti.

Questo sguardo allargato, aperto a una visione d ´insieme dei vari fenomeni spettacolari, è venuto a delineare quel complesso sistema teatrale vigente fino ai primi decenni del Novecento: un sistema che lega in un rapporto di circolarità - spesso indissolubile e ricco di scambi continui - melodramma, balletto, teatro di prosa ( professionale e amatoriale), marionette e burattini.

Parallelamente è imprescindibile il rapporto con la storia e con la cronaca. In epoche senza fotografie, senza cinema, senza televisione, senza rotocalchi, le marionette supplivano alla mancanza di immagini evocando, sulle scene, non solo grandi drammi, ma anche ciò che le gazzette e i giornali riportavano. Tutto il Risorgimento, ad esempio, passa sulle tavole dei teatrini, ma passano anche le guerre d ´Africa, le Esposizioni Universali, le grandi scoperte scientifiche, i conflitti mondiali e l ´inaugurazione della Fiat.

Come è facile intuire, lo studio dei copioni - e quindi degli spettacoli cui rinviano - si rivela come una vera e propria miniera d ´informazioni, di pagine vive di storia per un approfondimento del nostro passato attraverso la voce popolare, testimone e protagonista del proprio tempo.

Gli studi intrapresi hanno inoltre evidenziato come il Piemonte rappresenti, soprattutto per il teatro con marionette, una delle aree più ricche e significative non solo nel panorama italiano ma anche in quello europeo. Moltissime sono le compganie di origine piemontese che hanno lavorato stabilmente nella regione già dalla seconda metà del Settecento e che hanno diffuso lo spettacolo di marionette e burattiini in tutta Italia e oltre i confini.

Una testimonianza diretta di questo immenso patrimonio culturale (storico, sociale, artistico, liguistico), non valorizzato ma dalle grandi potenzialità, è rappresentata dalla ricchezza di fondi marionettistici presenti in Piemonte, tra i maggiori in Europa. In particulare l `Istituto detiene una delle più rilevanti collezioni italiane, per ampiezza di campionatura e per valore storico, che unitamente alla raccolta libraria, iconografica e archivistica rappresenta un unicum prezioso per indagare il fenomeno: non solo per quanto concerne il passato, ma anche per analizzare la realtà contemporanea nella sua variegata complessità.

La valorizzazione e promozione di questo patrimonio è uno dei compiti dell´ Istituto, non limitato solo a marionette e burattini, ma indirizzato verso il teatro popolare nel suo insieme: dalle sacre rappresentazioni, alle rievocazioni storiche, alle filodrammatiche, al circo, alle molteplici forme di teatralità spontanea. Significativa, da questo punto di vista, l ´operazione compiuta insieme agli abitanti di Volpedo intorno al Quarto Stato di Giuseppe Pellizza: un evento capace di sollecitare le memorie di una comunità attraverso il lavoro teatrale e di renderle universali.

L´Istituto dal 2005 ha sottoscritto con la regione Piemonte e il la Città di Grugliasco un Protocollo d'Intesa per il potenziamento delle proprie attività, stipulando in seguito convenzioni con:

Facoltà di Lettere e Filosofia dell ´Università degli Studi di Torino
Istituto dell ´Atlante Linguistico Italiano, Università degli Studi di Torino
Fondazione Circuito Teatrale del Piemonte
Istituto Superiore di Studi Musicali "Conservatorio G. Cantelli", Novara
Accademia Albertina di Belle Arti di Torino
Progetto Teatro Ragazzi e Giovani Piemonte

L'Istituto inoltre collabora con le seguenti istituzioni:


Teatro Regio di Torino, Piccolo Regio Laboratorio, Torino
Centro Studi del Teatro Stabile di Torino
Centro Studi Piemontesi - Ca de Studi Piemontèis, Torino
Incanti, Festival Internazionale di Teatro di Figura, Torino
Internationales Figurentheaterfestival , Wels (A) - fino 31 marzo 2008
Fondazione "Tancredi di Barolo", Centro Studi e Museo della scuola e del libro per l ´infanzia, Torino
Progetto Vetrina del Teatro di Figura Piemonte
Museo della Maschera, Rocca Grimalda
Comune di Castell ´Alfero, Ciabot di Gianduja
Comune di Candelo
Associazione "Pellizza di Volpedo", Volpedo
Laboratorio Teatrale "Cesare Bonadeo", Volpedo
Associazione "Peppino Sarina" , Tortona
Progetto " Cantoregi", Carignano - Racconigi
Museo dei Burattini e delle Figure, Villa Inferno, Cervia
Atelier delle Figure Scuola per Burattini, Cervia
CTA, Centro Regionale de Teatro d ´Animazione e di Figure, Gorizia
ATF-AGIS, Associazione Teatro di Figura
Compagnia Marionettistica Carlo Colla e Figli, Milano
Associazione "Torino 1706-2006" - Torino